La battaglia di Silvan

Spread the love

Nel sudest della Turchia si continua a combattere  e morire, secondo  fonti dell’esercito turco nella città di Cizre, nell’ultima settimana, sarebbero stati uccisi 127 militanti curdi. I portavoce del partito filo curdo Hdp e i sindaci delle città del Kurdistan ribattono che le vittime degli scontri sono in gran parte vecchi, donne e bambini non combattenti.

Per capire cosa avvenga veramente nelle città e nei quartieri curdi sottoposti al coprifuoco dall’esercito e dalle forze speciali turche, il 16 dicembre ci eravamo recati a Silvan, una cittadina del distretto di Diyarbakir, dove lo scorso novembre il coprifuoco si era concluso con un assalto dell’esercito turco, che ha provocato  la morte di 15 persone e decine di feriti.

L’uomo che ha parlato ai microfoni di rainews24 è chiaramente un combattente ma, ricostruendo gli eventi afferma che gli scontri hanno provocato la morte di numerosi civili. Da quello che abbiamo potuto vedere con i nostri occhi il livello di distruzione è tale che sarebbe stato praticamente impossibile evitare di coinvolgere la popolazione civile.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *