Rojava. L’Isis risponde all’avanzata delle milizie curde con 3 autobombe

 

Siria, Forze democratiche siriane riprendono controllo di base al-Melabiyyah da Isis

Almeno 50 persone sono state uccise e 80 ferite nel corso di un triplice attentato con autobombe nella regione siriana di Hasaka sotto il controllo delle milizie curde Ypg che combattono nel Rojava contro l’Isis.

Negli ultimi giorni i curdi erano riusciti a strappare nuovi territori all’Isis ed avevano riconquistato la città di Houl. Gli attentati di oggi hanno colpito un ospedale, un mercato e una zona residenziale nella città di Tel Tamer.

Gli attacchi sono stati rivendicati dall’agenzia Amaq news che appoggia l’Isis e rivendica la distruzione di basi curde a Tel Tamer con l’utilizzo di 3 attentatori suicidi.

Rojava, tra lotta all’Isis e confederalismo democratico

640x344_1445018311406_Rojava_cities

La resistenza e la lotta ai curdi passa per il Rojava, regione dove il modello politico è quello del confederalismo democratico. Il Rojava o Kurdistan siriano comprende le province a maggioranza curda di Afrin, Jazira e Kobani, nel nord e nord est della Siria. Le province si sono date un’organizzazione sociale e politica autonoma ed hanno predisposto un esercito di difesa per proteggersi dagli attacchi esterni e dall’attacco militare da parte dell’Isis. E’ stato istituito il Comitato Supremo curdo (Dbk) di cui fanno parte il Partito dell’Unione Democratica (PYD) e il Consiglio Nazionale Curdo (KNC). Nel novembre 2013 si è costituito un governo ad interim, diviso nelle tre aree autonome o cantoni. La forma politica adottata è quella del confederalismo.