Con Zuhal Tekiner, sindaca di Silvan

Il sindaco di Silvan, una cittadina agricola sulla strada che da Diyarbakir porta verso Oriente, percorrendo l’antica via della seta, è una signora minuta dall’aria stanca e apprensiva. Anche se in ogni comune del Kurdistan vengono eletti un sindaco e una sindaca lei è rimasta sola: la sindaca precedente è da alcuni mesi in un carcere Turco mentre il suo co-sindaco è da tempo in ospedale. E’ passato poco più di un mese da quando, dopo 12 giorni di assedio, i carri armati e i blindati della polizia e delle forze di sicurezza turche hanno fatto irruzione nella città vecchia, provocando la morte di 15 cittadini e danni paragonabili a quelli di un bombardamento. Il suo racconto

Continua a leggere